Ordinanza Balneazione 2015 Comune di Trieste

GIORNATE221

Ad integrazione e parziale rettifica di quanto precedentemente pubblicato, il Comune di Trieste consentirà accesso e balneazione ai cani nelle spiagge libere con davvero poche eccezioni in cui rimarrà il divieto.

I nostri amici amici a quattrozampe infatti potranno finalmente accedere all’intero lungomare Benedetto Croce, al tratto di mare che va dal porticciolo di Barcola Cedas al bivio fra Viale Miramare e la strada Costiera, al molo situato prima dell’ingresso principale del castello di Miramare, alla spiaggia del porticciolo di Santa Croce ed alla spiaggia “ai Filtri”.

L’accesso alle spiagge e la balneazione dei cani saranno disciplinate da alcune regole tra cui:

  1. i cani, rigorosamente microchippati o tatuati ed esenti da infestazioni di parassiti, dovranno essere accompagnati e tenuti a guinzaglio
  2. i conduttori dovranno preoccuparsi di garantire zone d’ombra ai cani ed essere sempre equipaggiati di museruola e strumenti per la rimozione delle deiezioni
  3. l’ingresso in acqua ai cani dovrà avvenire senza guinzaglio, per garantire la sicurezza dell’animale, nelle immediate vicinanze del proprietario il quale dovrà aver cura di rimettere il guinzaglio all’animale non appena uscito dall’acqua
  4. si dovrà evitare lo scrollamento dell’animale all’uscita dal mare se in prossimità degli altri bagnanti
  5. non si dovranno lanciare palline o altri giochi al cane mentre si trova in acqua
  6. non sarà permesso l’utilizzo delle docce per bagnare i cani
  7. i cani di sesso femminile non potranno accedere alla spiaggia e al mare in periodo estrale o di calore.

Naturalmente sono previste alcune deroghe alle norme per i cani da salvamento e quelli a supporto di alcune categorie di diversamente abili.

Per tutelare anche chi non gradisce la presenza di animali, è stato mantenuto il divieto d’accesso ai cani nelle spiagge Cedas, ai Topolini, al “Bivio” ed allo stabilimento “La Lanterna” dove i divieti dovranno essere comunque indicati chiaramente con appositi cartelli.

I concessionari privati avranno invece facoltà di decidere se consentire o meno l’accesso dei cani nei loro spazi, anche in questo caso con l’obbligo di collocare all’ingresso dell’area in concessione dei cartelli che indichino se i cani sono ammessi o meno e a quali condizioni.

In calce il testo integrale dell’ordinanza.

Leggi: Ordinanza Balneazione Comune Trieste 2015