Cinture di sicurezza per cani – Non idonee

 

TEDD E SKULLY-16

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, relativamente alla legittimità di montare a bordo delle autovetture sistemi di sicurezza destinati agli animali, ha formalmente chiarito con una circolare il divieto alle cinture di sicurezza per cani, gatti e altri animali domestici trasportati sui veicoli.

Nella Circolare n. 4372 del 13 luglio 2016 e riportata in calce, il Ministero ha chiarito che la materia, disciplinata dall’art. 169 del Codice della Strada, al comma 6 “contempla la possibilità di trasportare liberamente in auto, in condizioni da non costituire intralcio alla guida, un animale domestico” puntualizzando che è consentito “il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio”.

È importante sottolineare che la locuzione “altro analogo mezzo idoneo” fa riferimento alla rete di separazione del vano posteriore al posto di guida e non alla “possibilità di collocare per tale fattispecie altri sistemi di sicurezza”, da cui si deduce che le cinture di sicurezza “non” possono essere ritenute legittime.

Leggi: Circolare Ministero Trasporti